Prendete tempo per leggere. Ne vale davvero la pena. Fidatevi

Professore: Tu sei un cristiano, figliolo?

Studente: Sì, signore.

Professore: Allora, credi in Dio?

Studente: Assolutamente, signore.

Professore: E Dio è buono?

Studente: Certo.

Professore: E Dio è onnipotente?

Studente: Sì..

Professore: Mio fratello è morto di cancro, anche se pregò Dio di guarirlo. La maggior parte di noi avrebbe cercato di aiutare gli altri che sono malati. Ma Dio non lo fece.E’ davvero buono questo Dio? Hmm?

(Studente rimase in silenzio.)

Professore: Non è possibile rispondere..Ricominciamo la discussione mio giovane amico… E’ Dio buono?

Studente: Sì..

Professore: Satana è buono?

Studente: No.

Professore: Da dove viene Satana?

Studente: Da … DIO …

Professore: Esatto. Dimmi figlio, c’è il male in questo mondo?

Studente: Sì..

Professore: Il male è ovunque, non è vero? E Dio ha fatto tutto. Giusto?

Studente: Sì..

Professore: Allora, chi ha creato il male?

(Lo studente non ha risposto.)

Professore: C’è malattia? L’immoralità? Odio? La bruttezza? Tutte queste cose terribili esistono nel mondo, non è vero?

Studente: Sì, signore.

Professore: Allora, chi li ha creati?

(Student non ha avuto risposta.)

Professore: La scienza dice che ci sono 5 Sensi che è possibile utilizzare per identificare e osservare il mondo intorno a te. Dimmi, figliolo, hai mai visto Dio?

Studente: No, signore.

Professore: Dimmi se hai mai sentito il tuo Dio?

Studente: No, signore.

Professore: Hai mai percepito il tuo DIO, assaggiato il tuo Dio, annusato il tuo Dio?Hai mai avuto la percezione sensoriale di Dio?

Studente: No, signore. Temo di no.

Professore: Ma ancora credi in Lui?

Studente: Sì..

Professore: Secondo calcoli empirici, verificabili, dimostrabili, la scienza dice che il tuo Dio non esiste. Che ne dici, figliolo?

Studente: Niente. Ho solo la mia fede.

Professore: Sì, la fede. E questo è il problema che ha la scienza.

Studente: Professore, c’è una cosa come il calore?

Professore: Sì..

Studente: E c’è una cosa come il freddo?

Professore: Sì..

Studente: No, signore. Non c’è.

(L’aula è diventato molto tranquilla con questa svolta degli eventi.)

Studente: Signore, è possibile avere un sacco di calore, ancora più calore, surriscaldamento, calore mega, calor bianco, o un pó di calore. Non esiste una cosa come il freddo. Il freddo è solo una parola che usiamo per descrivere l’assenza di calore. Non possiamo misurare freddo. Il calore è energia. Il freddo non è l’opposto di calore, è solo la sua assenza.

(Silenzio in aula.)

Studente: Che dire invece de buio, professore? C’è una cosa come le tenebre?

Professore: Sì.. Qual’è la notte se non c’è buio?

Studente: Si sbaglia di nuovo, signore. L’oscurità è l’assenza di qualcosa. Si possono avere condizioni di scarsa illuminazione, la luce normale, luce intensa, luce lampeggiante. Ma se non avete la luce, non hai niente e la si chiama oscurità, non è vero? In realtà, non è oscurità.

Professore: Allora, qual è il punto, giovanotto?

Studente: Signore, il mio punto è che la sua premessa filosofica è difettosa.

Professore: Cosa? Puoi spiegare come?

Studente: Signore, si sta lavorando sulla premessa della dualità. Lei sostiene che ci sia vita e morte, un Dio buono e un Dio cattivo. Sta visualizzando il concetto di Dio come qualcosa di finito, qualcosa che possiamo misurare. Professore, la scienza non può spiegare neppure un pensiero. Si usa l’elettricità e il magnetismo, ma non ha mai visto, né tanto meno pienamente compreso nessuno dei due. Vedere la morte come il contrario della vita è essere ignoranti del fatto che la morte non può esistere come una cosa sostanziale.

La morte non è l’opposto della vita: solo assenza di essa. Ora mi dica, professore, non si insegna agli studenti che si sono evoluti da una scimmia?

Professore: Se lei si riferisce al processo evolutivo naturale, sì, certo.

Studente: Ha mai osservato l’evoluzione con i suoi occhi, signore?

(Il professore scosse la testa con un sorriso, cominciando a capire dove stava andando l’argomento.)

Studente: Dal momento che nessuno ha mai osservato il processo di evoluzione al lavoro e dal momento che nessuno può neanche dimostrarlo come un processo realmente in atto, lei sta insegnando la sua opinione, signore! Lei non è uno scienziato, ma un predicatore,no?

(La classe era in subbuglio.)

Studente: C’è qualcuno in classe che abbia mai visto il cervello del professore?

(La classe scoppiò in una risata.)

Studente: C’è qualcuno qui che abbia mai sentito il cervello del professore, toccato o un odorato vero? Nessuno sembra averlo fatto. Così, secondo le norme stabilite dalla scienza, basati sull’empirica, su qualcosa di dimostrabile, allora lei non ha un cervello, signore. Con tutto il rispetto, signore, come possiamo allora fidaterci delle sue lezioni?

(La stanza era silenziosa. Il professore guardò lo studente, il suo volto imperscrutabile.)

Professore: Credo si tratti di fede, figliolo.

Studente: … Esattamente! Il legame tra l’uomo e Dio è la fede. Questo è tutto ciò che mantiene le cose vive e in movimento.

Post scriptum
Lo studente era EINSTEIN

Primate Medio (via primatemedio)

Questo lo rebloggherò per sempre per tutti quelli che prendono in giro chi crede. Io credo in Dio e vaffanculo tutti!

(via lasognatriceillusa)